Chi siamo

Mi presento

Primo piano Alessandra AccordinoSono Alessandra Accordino, ideatrice e curatrice del blog Anima d’inchiostro, classe 1983 e celiaca dal 2006. Sono nata a Messina, all’alba di un giorno di dicembre e cresciuta sia in questa meravigliosa città, che nella sua provincia, coltivando il più possibile la passione per la scrittura, finché ho deciso di ascoltare voci amiche (fuori dalla mia testa, lo giuro) e di mettermi in gioco attraverso questo blog.

Vivo da sempre talmente circondata da mare, natura, storia e bellezze artistiche (tra cui un posto speciale è riservato al Cimitero monumentale della mia città), che appassionarmi allo studio dell’arte, della mitologia e della letteratura è stato un qualcosa di semplicemente istintivo. La Sicilia è incantevole in ogni angolo, essendo formata dalla fusione tra i popoli e le relative culture che l’hanno attraversata e Messina non fa eccezione. E’ una città unica tanto quanto il suo Duomo, caratterizzato dal più grande e complesso orologio meccanico ed astronomico del mondo.

Cosa mi ha portata a ideare il blog Anima d’inchiostro?

Passioni quali lettura e scrittura permettono di immergersi in una dimensione parallela, di scoprire nuovi orizzonti, senza muoversi dalla propria comfort zone. Sin dalle mie prime letture infantili ho capito che ogni dimensione contenuta in ciascun libro che sfogliavo mi affascinava a tal punto da rendermi sempre più completa ed appagata.

Per queste passioni devo ringraziare due speciali insegnanti che mi hanno formata nell’età più importante: la Maestra Rosaria che alle scuole elementari mi ha insegnato le basi con dedizione e la Professoressa Mariagabriella che alle medie mi ha trasmesso tutto il resto con passione, anche attraverso i suoi libri. Entrambe mi hanno sempre spronata a coltivare un piccolo talento, quello della scrittura, in cui ho iniziato a cimentarmi molto presto, riuscendo a far emergere ciò che a parole mi sembrava così complicato esternare.

Al liceo classico ho poi avuto la fortuna ed il grande piacere di far parte di una classe sperimentale di storia dell’arte, in cui grazie al Prof. Luigi ed alla Prof. Nicoletta ho potuto immergermi nella profondità dell’animo umano, arricchire il mio patrimonio culturale e capire a pieno come tutto nel mondo abbia uno stretto e vivo rapporto con l’arte.

Essendomi laureata in Giurisprudenza gli impegni, accademici e non, mi hanno sensibilmente sottratta alla scrittura, privandomi in modo considerevole sia delle occasioni che dell’umore per leggere. Nel corso degli anni il resto del tempo è stato assorbito da momenti positivi e negativi, in cui ad alleggerire tutto è sempre stato lo svago con il mio fidanzato e con gli amici, tra giochi di società e calcetto, dolci e buona cucina. Riuscire ad immergermi in un buon libro resta comunque tra le mie priorità quotidiane, soprattutto se accoccolato accanto a me c’è il mio fedele e peloso compagno di vita, Leonida, che non sa con certezza di essere un cane.

Dopo decisamente troppi anni, ho di recente rispolverato la mia penna, ormai intimamente legata al più moderno pc, grazie ad un ritrovato tempo libero ed un’occasione presa al volo, così una terza ed importante insegnante, la Dott.ssa Amalia (direttrice di scritturaedintorni.it), attraverso tre stimolanti e familiari corsi di Scrittura Creativa è riuscita a sbloccare un lucchetto dentro di me, di cui credevo di aver smarrito la chiave.

Ho anche seguito un corso di Editing e Redazione, in cui ho investito molto, ma senza esserne ricompensata. E’ solo grazie agli esercizi suggeriti durante i corsi di scrittura creativa che ho trovato una fonte inesauribile di spunti e mi sono messa alla prova, senza riserve. Ho dovuto scrivere in pochi minuti, anche con imput su argomenti che non mi piaceva sviscerare e così facendo ho scoperto un’ispirazione ed una concentrazione che non credevo di possedere, infine ho dovuto anche leggere a voce alta ogni risultato, provando sempre una grande soddisfazione e notando di volta in volta entusiasmanti progressi. Tutto questo mi ha portata a smettere di temere il giudizio altrui ed a far leggere le mie storie non solo a chi le ha sempre apprezzate, ma soprattutto a chi non conosceva questo mio interesse. Sono stati proprio questi ultimi ad incoraggiarmi come mai avrei sperato, tanto da suggerire la nascita di questo progetto: il mio primo blog. Ringrazio soprattutto Antonio, Nico e Clara che con diversi contributi mi hanno aiutata attivamente a concretizzare ciò che per mesi è stato innanzitutto un insieme di idee.

Anima d’inchiostro per me è molto di più di un blog, è uno spazio in cui ho deciso di mettere a nudo le mie passioni ed i miei difetti, raccontandomi attraverso le rubriche che ho dedicato a cosa amo: la scrittura e la letteratura di ogni genere (con uno sguardo particolarmente affezionato al fantasy, in quanto J.R.R. Tolkien e G.R.R Martin hanno rapito i miei ultimi 4 anni di letture serali), l’arte in tutte le sue forme, inclusi cinema, serie tv, fumetti, giochi da tavolo, una grande passione per il Giappone ed ultima, ma non meno importante, la cucina!

Sono una lettrice esigente che scrive ciò che le piacerebbe leggere

Non ho mai desiderato essere una principessa, una ballerina né una diva, piuttosto giocavo a calcio, adoravo MacGyver, non sopportavo di indossare le gonne e sognavo di diventare una detective o magari una scrittrice. Sono stonata, cinica e odio il rosa. Amo il buon cibo, le letture stimolanti ed il cinema. Scrivo ciò che mi piacerebbe leggere e nel farlo ci metto tutta l’anima.

Il mio stile è caratterizzato da significativi colpi di scena, storie dal clima noir, luoghi e personaggi appena delineati, per lasciar galoppare la fantasia del lettore in parallelo con la mia. Personalmente ritengo che sia più importante empatizzare con i personaggi di una storia, magari trovando qualcosa che con questi abbiamo in comune, piuttosto che perdersi in dettagli trascurabili, diluiti in digressioni lunghe pagine e pagine che ci fanno perdere il filo della narrazione. Non amo le lunghe descrizioni e pertanto nei miei racconti, così come nel mio blog, non ne troverete, ma qui scoprirete tutto ciò che in questi anni ho imparato e sperimentato, che vi presenterò arricchito dai miei suggerimenti.

Piacere di conoscerti!

A.

 

Recensioni letterarie e Lievito madre

Curare Anima d’inchiostro e le sue rubriche è un impegno piacevole, ma laborioso, per cui nell’accudire il nostro inestimabile Lievito madre, ovvero la nostra rubrica di Recensioni letterarie, mi avvalgo del preziosissimo supporto di Roberta D’Amico. Dopo averla introdotta lascio che facciate conoscenza …

 

Primo piano Roberta D'Amico

Ciao a tutti, mi presento: sono Roberta, sono ipocondriaca, temo tutti gli insetti che hanno un pungiglione e che volando fanno bzzz e non so nuotare. Amo i gatti, soprattutto la mia Holly, che accompagna e approva le mie letture, le borse e naturalmente i libri.  Per questo vorrei essere una lettrice di mestiere o una libraia, non potendo nella realtà trasformarmi in una qualsiasi delle ragazze Gilmore.

Non sono una brava cuoca, ma  mi sono guadagnata la fama di buona forchetta e all’interno di Anima d’inchiostro ho intitolato la mia rubrica Lievito madre per simpatia linguistica e come buono auspicio! Non sono una grande chiacchierona,  ma se si tratta di discutere di romanzi, narrativa e autori sono subito in prima linea!

 

In attesa dei vostri commenti vi auguriamo buone letture lievitate!

A. & R.